MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ENERGETICA – Fondo nazionale Reddito Energetico

Data di apertura: Bando attivo
Data di scadenza: Chiuderà il 31/12/2024 (o prima in caso di esaurimento delle risorse)

Descrizione
Il presente bando ha l’obiettivo di agevolare i nuclei familiari in condizione di disagio economico , per l’installazione di impianti fotovoltaici realizzati in assetto di autoconsumo.

Soggetti beneficiari
Possono beneficare delle agevolazioni le persone fisiche aventi i seguenti requisiti:

  • appartenenza a nucleo familiare con ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) in corso di validità inferiore a 15.000 euro, oppure inferiore a 30.000 euro per i nuclei familiari con almeno quattro figli a carico;
  • titolarità di un valido diritto reale (proprietà, superficie, enfiteusi, usufrutto, uso, abitazione) su coperture e/o superfici di edifici, unità immobiliari e/o relative pertinenze, ovvero su aree e spazi pertinenziali ove andrà realizzato l’impianto fotovoltaico per cui si richiede l’accesso all’agevolazione;
  • essere intestatari del contratto di fornitura di energia elettrica delle utenze di consumo asservite alle unità immobiliari di residenza anagrafica del nucleo familiare. Si precisa che tale requisito potrà essere posseduto anche da un altro appartenente al nucleo familiare ai fini ISEE.

Entità e forma dell’agevolazione
La dotazione finanziaria è pari ad € 200.000.000,00, per ciascuna delle annualità 2024 e 2025, ripartito come di seguito indicato:

  • 80.000.000 di euro alle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia;
  • 20.000.000 di euro alle restanti regioni o province autonome

Spese ammissibili
Le agevolazioni sono destinate alla realizzazione di impianti fotovoltaici in assetto di autoconsumo a servizio di unità immobiliari di tipo residenziale nella disponibilità di nuclei familiari in condizione di disagio economico.

Gli interventi devono soddisfare le seguenti condizioni :

  • comprendere, per almeno dieci anni, una polizza assicurativa multi-rischi, un servizio di manutenzione e un servizio di monitoraggio delle performance dell’impianto;
  • essere effettuati su coperture e/o superfici di edifici, unità immobiliari e/o relative pertinenze per i quali il soggetto beneficiario è titolare di un valido diritto reale;
  • rispettare i requisiti tecnici definiti nel Regolamento del Fondo;
  • prevedere una potenza nominale degli impianti fotovoltaici non inferiore a 2 kW e non superiore a 6 kW18;
  • prevedere che l’impianto non entri in esercizio prima della presentazione della richiesta di accesso;
  • prevedere che gli impianti fotovoltaici risultino censiti sul sistema GAUDI di Terna con il “GSE” quale “Utente del Dispacciamento” e il “Ritiro Dedicato” quale regime commerciale di cessione dell’energia;
  • non essere realizzati per soddisfare la quota d’obbligo rinnovabile;
  • essere collegati a punti di connessione in prelievo (POD) a cui non risultino già connessi altri impianti di produzione di energia elettrica;
  • essere collegati a un punto di connessione in prelievo (POD) che alimenta l’unità immobiliare di residenza della famiglia anagrafica facente parte del nucleo familiare del Soggetto Beneficiario, purché accatastata nel gruppo A, a esclusione delle unità immobiliari accatastate come A1, A8, A9 e A10.

CCIAA FERRARA RAVENNA – Bando per l’erogazione di contributi a sostegno di interventi finalizzati alla competitività delle imprese

Data di apertura: Bando attivo
Data di scadenza: Chiuderà il 16/09/2024 12:00

Descrizione
La Camera di commercio di Ferrara e Ravenna intende sostenere iniziative di promozione la cui realizzazione sia riconosciuta quale fattore di sviluppo e attrattività per il sistema socio economico locale.

Soggetti beneficiari
Sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente bando:

  • enti pubblici e di diritto pubblico;
  • enti ed organizzazioni private portatori di interessi diffusi del sistema delle imprese e delle professioni o di componenti della società civile, non aventi come finalità la distribuzione di eventuali utili agli associati, quali, a titolo esemplificativo:
    consorzi o società consortili, associazioni finalizzate alla valorizzazione del territorio o di sue aree particolari, fondazioni e associazioni culturali, ecc;
  • enti organizzazioni e soggetti diversi alla cui amministrazione e/o controllo partecipa la Camera di commercio;
  • enti/soggetti di diritto privato che per la specifica iniziativa o progetto non perseguano fini di lucro o sfruttamento imprenditoriale diretto, ma agiscano per perseguire lo sviluppo economico del territorio.

I beneficiari devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in regola con il pagamento del diritto annuale dovuto alla Camera di commercio di Ferrara e Ravenna (se dovuto);
  • essere in regola con il DURC.

Entità e forma dell’agevolazione
La misura prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto del 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di €8.000,00.

L’investimento minimo dev’essere pari a €10.000,00.

La dotazione finanziaria è pari a € 100.000,00.

Spese ammissibili
Sono ammessi al sostegno gli eventi e progetti delle seguenti tipologie:

  • valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e naturalistico;
  • promozione e animazione commerciale e dei centri storici;
  • sviluppo e promozione dell’intera filiera del turismo;
  • valorizzazione delle eccellenze e produzioni locali (enogastronomiche, artigianali, etc.).

Sono ammissibili le voci di spesa:

  • per l’acquisto di beni e servizi strumentali alla realizzazione del progetto
  • costi di personale interno, regolarmente assunto, contenute nella misura massima del 20% della spesa totale ammissibile escluso tali costi.

Saranno ammissibili le spese sostenute e fatturate nel periodo compreso tra l’1 gennaio 2024 e il 31 marzo 2025.

EBITERBO – Ente Bilaterale del Terziario della Città Metropolitana di Bologna – Contributi dipendenti 2024

Data di apertura: Bando attivo
Data di scadenza: Chiuderà il 31/12/2026 (o prima in caso di esaurimento delle risorse)

Descrizione
EBITERBO – L’Ente Bilaterale del Terziario di Bologna ha emanato questi bandi a sostegno dei dipendenti delle aziende per l’annualità 2024.

Sono previste linee di intervento diverse in base al tipo di investimento.

Soggetti beneficiari
I soci beneficiari sono le singole imprese che applicano integralmente il CCNL del Terziario e i contratti integrativi, nonché i rispettivi dipendenti. Entrambi devono aver ottemperato al versamento dei contributi all’Ente come previsto dal Regolamento di attuazione e dal CCNL.

Entità e forma dell’agevolazione
Il contributo associato a ciascuna tipologia di investimento è di:

  • Fondo Sostegno al Reddito – Lavoratori:
    • Contributo per la serenità abitativa: Contributo forfettario a sostegno dei costi sostenuti per il mutuo prima casa o al canone di locazione per un periodo massimo di 12 mesi, varia da un minimo di 100 Euro ad un massimo di 250 Euro mensili.
  • Welfare Salute:
    • Malattia di lunga durata non indennizzata dall’INPS: Contributo pari al 50% della normale retribuzione.
  • Welfare Famiglia:
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Sostegno alla genitorialità: Contributo una tantum pari a 400 Euro.
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Sostegno alla genitorialità – lavoratrice madre: Contributo una tantum pari a 200 Euro.
    • Contributo Assitenza ai bambini mediante Baby Sitter: da un minimo di 450 Euro ad un massimo di 900 Euro, a seconda dell’orario di lavoro settimanale concordato con la baby sitter.
    • Permessi non retribuiti per malattia del bambino: 50% della normale retribuzione per un tetto massimo di 15 giornate all’anno.
    • Congedi parentali non indennizzati dall’INPS: 50% della normale retribuzione.
    • Contributo Assistenza a familiari non autosufficienti o genitore ultraottantenne: massimo Euro 900 (se il familiare non è convivente) a 1200 Euro (se il familiare è convivente).
  • Welfare Cultura:
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Rimborso Card Cultura: Rimborso totale.
    • Libri di testo: Contributo annuo massimo di 200 Euro per l’acquisto di libri di testo scolastici per i lavoratori e di 130 Euro per l’acquisti di libri scolastici per i figli.
    • Tasse universitarie: Contributo annuo massimo di 500 Euro.
  • Welfare Trasporto Pubblico:
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Trasporto pubblico: 50% della spesa sostenuta con un massimale annuo di 400 Euro.
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Trasporto pubblico Servizo Ridemovi: Rimborso della spesa sostenuta per l’abbonamento annuale o mensile con un massimale annuo di 100 Euro.

Spese ammissibili
Sono previste le seguenti linee di intervento con le relative spese ammissibili:

  • Fondo Sostegno al Reddito – Lavoratori:
    • Contributo per la serenità abitativa.
  • Welfare Salute:
    • Malattia di lunga durata non indennizzata dall’INPS.
  • Welfare Famiglia:
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Sostegno alla genitorialità.
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Sostegno alla genitorialità – lavoratrice madre.
    • Contributo Assitenza ai bambini mediante Baby Sitter.
    • Permessi non retribuiti per malattia del bambino.
    • Congedi parentali non indennizzati dall’INPS.
    • Contributo Assistenza a familiari non autosufficienti o genitore ultraottantenne.
  • Welfare Cultura:
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Rimborso Card Cultura.
  • Welfare Trasporto Pubblico:
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Trasporto pubblico.
    • Contributo Straordinario Agenda 2030 – Trasporto pubblico Servizo Ridemovi.

EBAV – Ente Bilaterale Artigianato Veneto – Contributi dipendenti 2024

Data di apertura: Bando attivo
Data di scadenza: Chiuderà il 30/04/2025 (o prima in caso di esaurimento delle risorse)

Descrizione
EBAV – Ente Bilaterale Regionale Artigianato Veneto ha emanato questo bando a sostegno dei dipendenti delle aziende per l’annualità 2024.

Sono previste linee di intervento diverse in base al tipo di investimento

Soggetti beneficiari
I beneficiari sono i dipendenti delle aziende aderenti che applicano in Veneto un contratto artigiano firmato dalle Parti Sociali.

Entità e forma dell’agevolazione
Il contributo associato a ciascuna tipologia di investimento è di:

  • Calamità naturali dipendente:
    • 20% della stima dei danni effettuata da parte di un perito professionista.
    • Contributo minimo: € 200.
    • Contributo massimo: € 3.000.
  • Inattività a seguito di ritiro patente:
    • Massimo erogabile: € 375 alla settimana (€75 per 5 gg)per 6 mesi nell’anno solare.
    • Periodo minimo di sospensione: 14 giorni di calendario anche non consecutivi.
  • Maternità/Paternità:
    • € 500 per ciascun figlio
  • Integrazione per sospensione lavoro:
    • Contributo una tantum diversificato in base al periodo di effettiva sospensione dal lavoro nel periodo di riferimento (Luglio 2023 / Marzo 2024):
      • da nr. 10 a nr. 14 giorni di effettiva sospensione anche non continuativa: €100.
      • da nr. 15 a nr. 19 giorni di effettiva sospensione anche non continuativa: €200.
      • da nr. 20 giorni in poi di effettiva sospensione anche non continuativa: €300.
  • Adesione a fondo previdenza complementare – dipendenti:
    • Il contributo varia in relazione all’età anagrafica del dipendente alla data di iscrizione/adesione con TFR al fondo previdenza complementare negoziale del comparto artigiano.
  • Sostegno al reddito per i lavoratori licenziati:
    • € 9,50 al giorno per operai e impiegati.
    • € 5,60 al giorno per apprendisti.
  • Figli minori con patologie gravemente invalidanti:
    • € 450 per figlio.
  • Disoccupazione post contratto a termine:
    • € 7,50 al giorno.
  • Apprendistato Duale: Borsa di studio:
    • Contributo unico e non ripetibile: € 1.050.
  • Perdita mansione autista – dipendente:
    • €9,50 al giorno.

Spese ammissibili
Sono previste le seguenti linee di intervento con le relative spese ammissibili:

  • Calamità naturali dipendente:
    • Contributo al dipendente per danni subiti nella propria abitazione a causa di stato di calamità naturale dichiarata dalla Regione o evento atmosferico eccezionale.
  • Inattività a seguito di ritiro patente:
    • Inattività a causa di sospensione patente in conseguenza alla violazione delle norme previste dal Codice della strada, avvenute in servizio o fuori servizio.
  • Maternità/Paternità:
    • Contributo a favore dei dipendenti iscritti ad Ebav per maternità, paternità, affidamento o adozione.
    • L’anno di competenza di riferimento è l’anno di nascita del figlio o l’anno di affidamento o adozione.
  • Integrazione per sospensione lavoro:
    • Contributo “una tantum” a favore dei lavoratori dipendenti iscritti a Ebav, sospesi dal lavoro nel periodo Luglio 2023 / Marzo 2024.
  • Adesione a fondo previdenza complementare – dipendenti:
    • Contributo per prima/nuova iscrizione a fondo previdenza complementare negoziale del comparto artigiano nell’anno di competenza.
  • Sostegno al reddito per i lavoratori licenziati:
    • Contributo per il periodo di disoccupazione dei lavoratori dipendenti licenziati per ragioni oggettive.
  • Figli minori con patologie gravemente invalidanti:
    • Contributo a lavoratori dipendenti con figli minori di 18 anni affetti da patologie gravemente invalidanti.
  • Disoccupazione post contratto a termine:
    • Contributo per il periodo di disoccupazione dei lavoratori dipendenti post contratto a termine.
  • Apprendistato Duale: Borsa di studio:
    • Contributo in seguito al conseguimento del Titolo di Studio per i lavoratori assunti con contratto di apprendistato.
  • Perdita mansione autista – dipendente:
    • Sussidio sperimentale ai dipendenti Trasporto Merci a seguito di perdita di mansione di autista.

Chimica Verde Lombardia per un futuro sostenibile 2024′ – manifestazione di interesse per premi a start up – Regione Lombardia

Descrizione
La Giunta regionale, con delibera del 15 luglio 2024, n. 2776, ha approvato il programma “Chimica verde Lombardia per un futuro sostenibile 2024”.

Il programma, che sarà realizzato in collaborazione con Federated Innovation Network , prevede due step:

  • una call pubblica per spinoff universitari e start up, che candideranno le proprie soluzioni sulle tematiche verticali che saranno individuate sulla base dei needs emersi nella precedente manifestazione di interesse.
  • una manifestazione di interesse aperta alle imprese della chimica e a quelle dei settori utilizzatori del settore della chimica per la definizione delle tematiche verticali della successiva call pubblica 

Obiettivo della manifestazione di interesse è individuare i sei verticali tematici per il lancio della call for startups la cui apertura è prevista a inizio settembre. Le imprese sono chiamate a indicare le aree di innovazione prioritarie nelle quali sono interessate a identificare soluzioni innovative e le caratteristiche dei target di innovazione ai quali ritengono che la call pubblica debba essere principalmente indirizzata.

Soggetti beneficiari
Possono partecipare alla manifestazione di interesse le imprese che operano in Italia nei settori delle materie prime organiche, inorganiche e biomasse, della chimica di base e della chimica fine e specialistica e anche le imprese dei settori utilizzatori quali, a titolo esemplificativo:

  • energia (elettrificazione processi industriali, civili, fonti energetiche alternative e rinnovabili, …).
  • imballaggi (bottiglie, sacchetti, contenitori);
  • abitazioni e costruzioni (isolamento, tubazioni, rivestimenti, cappotto, infissi, vernici, adesivi, condizionamento, dispositivi di sicurezza, pannelli solai, illuminazione, …);
  • salute e farmaceutica (principi attivi, nano e biotecnologie, farmaci, gas medicinali, attrezzature mediche, protesi, immagini mediche, disinfettanti, …);
  • agricoltura e alimentazione (fertilizzanti, agrofarmaci, imballaggi, conservanti, additivi, zootecnica, …);
  • mobilità e mezzi di trasporto (materiali leggeri, rivestimenti, batterie, catalizzatori, additivi per carburanti, caschi e protezioni, carrozzeria, …);
  • moda e tessile (abbigliamento impermeabile, antivento, antimacchia, autoriparante, tessuti antimicrobici e antiallergici, …);
  • elettronica e comunicazioni (schermi, cavi, batterie, circuiti integrati, inchiostri, prodotti stampa, attrezzi sportivi, …);
  • rifiuti e trattamento acque (acqua potabile, trattamento acque reflue, tecnologie di desalinizzazione acqua marina, tubazioni in plastica, …);
  • cura della persona e della casa (cosmetici, profumi, saponi, detersivi, prodotti da bagno, biocidi, …);

Entità e forma dell’agevolazione
La call è rivolta alle start up che intendono raccogliere la sfida per rispondere al bisogno di innovazione per una chimica verde per un futuro sostenibile.
Possono partecipare alla call le start up:

  • costituite in forma di società e che hanno iniziato l’attività (come da data di inizio attività specificata in visura camerale) da non oltre 5 anni 
  • che hanno sede legale e/o operativa in Lombardia
  • che risultano essere imprese innovative dalla visura camerale.